Donazioni
Baccalaureato - Triennio teologico (2022-2023)
Descrizione dei corsi del triennio teologico (2022-2023)


Primo ciclo quinquennale di studi con un biennio filosofico e un triennio istituzionale.



TP105A Libri storici dell’Antico Testamento (A) - Pentateuco

Contenuti: a) Il Pentateuco, il canone della Bibbia ebraica e il canone cristiano dell’AT; b) i cinque libri del Pentateuco: contenuto e struttura; c) i problemi letterari del Pentateuco; d) esegesi del Pentateuco: storia della ricerca dall’antichità ad oggi; e) esegesi di brani scelti.
Obiettivi: Acquisizione della conoscenza del testo e delle problematiche storico-critiche e teologico-esegetiche. Pre-requisiti: conoscenza elementare della lingua ebraica.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali e lettura individuale di approfondimento dei testi biblici e di articoli scelti.
Modalità di valutazione: Esame scritto.
Bibliografia: J.-L. Ska, Introduzione alla lettura del Pentateuco, EDB, Bologna 2000; P. Merlo (ed.), L’Antico Testamento. Introduzione storico-letteraria, Carocci, Roma 2008; R. Rendtorff, Introduzione all’Antico Testamento. Storia, vita sociale e letteratura d’Israele in epoca biblica, Clau­diana, Torino 1990; F. García López, Il Pentateuco. Introduzione alla lettura dei primi cinque libri della Bibbia, Paideia, Brescia 2004.

 

D.A.N. NGUYEN

 

TP106B Libri storici dell’Antico Testamento (B)

Contenuti: Il corso intende presentare un breve panorama storico generale degli eventi del popolo ebraico iniziati con la conquista della terra promessa fino all’epoca dei Maccabei. L’intero corso sarà articolato in quattro sezioni: a) Storia deuteronomista. b) Storia cronista. c) Libri midrashici. d) Libri dei Maccabei.
Obiettivi: Acquisizione della conoscenza del testo e delle problematiche storico-critiche e teologico-esegetiche. Pre-requisiti: conoscenza elementare della lingua ebraica.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali e lettura individuale di approfondimento dei testi biblici e di articoli scelti.
Modalità di valutazione: Esame scritto.
Bibliografia: Aa.Vv., Il messaggio della salvezza, III, Elle Di Ci, Torino 1977, pp. 146-220; Aa.Vv., Il messaggio della salvezza, V, Elle Di Ci, Torino 1985, pp. 249-316; 343-380; G. Cappelletto, In cammino con Israele. Introduzione all’AT – I, EMP, Padova 1997, pp. 281-391; G. Fohrer, Storia della religione israelitica, Paideia, Brescia 1985; G. Ravasi, Antico Testamento. Introduzione, Piemme, Casale Monferrato 1991; J.M. Sánchez Caro (ed.), Storia, narrativa, apocalittica (Introduzione allo studio della Bibbia 3.2), Paideia, Brescia 2000; J.A. Soggin, Introduzione all’Antico Testamento, Paidea, Brescia 1987; J.A. Soggin, Storia d’Israele, Paideia, Brescia 1984. La migliore introduzione alla Bibbia è la Bibbia stessa!

 

D.A.N. NGUYEN

 

TP1070 Libri profetici dell’Antico Testamento

Contenuti: Introduzione generale alla letteratura profetica: il profetismo in altri popoli; il profetismo in Israele, origini e sviluppi; i generi letterari dei libri profetici; veri e falsi profeti; il messaggio dei profeti. Presentazione di alcuni libri profetici ed esegesi di brani scelti: Amos, Osea, Michea, Isaia, Geremia, Ezechiele.
Obiettivi: Acquisizione della conoscenza del testo dei libri profetici e delle problematiche storico-critiche e teologico-esegetiche. È raccomandabile la conoscenza elementare della lingua ebraica.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali da integrare con la lettura di alcuni testi che verranno indicati durante le lezioni.
Modalità di valutazione: Esame orale.
Bibliografia: J.M. Ábrego de Lacy, I libri profetici, Paideia, Brescia 1996; L. Alonso Schökel – J.L. Sicre Diaz, I profeti, Borla, Roma 1984; J.L. Sicre Diaz, I Profeti d’Israele e il loro messaggio, Borla, Roma 1989; A. Spreafico, La voce di Dio, EDB, Bologna 1989.

 

J. M. VICENTE

 

TP1080 Libri sapienziali

Contenuti: Introduzione generale alla letteratura sapienziale: la sapienza biblica e la sapienza del Medio Oriente antico; origine della sapienza in Israele; generi letterari sapienziali; principali temi teologici nella riflessione sapienziale; la Sapienza personificata. Presentazione dei singoli libri sapienziali ed esegesi di alcuni brani scelti: Proverbi, Giobbe, Qohelet, Siracide e Sapienza.
Obiettivi: Acquisizione della conoscenza del testo dei libri sapienziali e delle problematiche storico-critiche e teologico-esegetiche.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali da integrare con la lettura di alcuni testi che verranno indicati durante le lezioni.
Modalità di valutazione: Esame orale.
Bibliografia: Un buon manuale: V. Morla Asensio, Libri sapienziali e altri scritti, Brescia 1997; L. Mazzinghi, Il Pentateuco sapienziale.   Proverbi, Giobbe, Qohelet, Siracide, Sapienza. Caratteristiche letterarie e temi teologici, Bologna 2012. Testi di approfondimento: G. Von Rad, La sapienza in Israele, Torino 1975; J. L. Crenshaw, Old Testament Wisdom. An Introduction, Atlanta 1981; G. Odasso, La sapienza: itinerario di ricerca nella rivelazione, in Aa.Vv., Gesù Cristo, volto di Dio e volto dell’uomo, Roma 1992, pp. 253-277; R. E. Murphy, L’albero della vita. Una esplorazione della letteratura sapienziale biblica, Brescia 1993.

 

J. M. VICENTE

 

TP1090  Salmi

Contenuti: La composizione del libro dei Salmi. Tratti fondamentali della poesia ebraica. Generi letterari del Salterio. Saggi di esegesi.
Obiettivi: Acquisizione della conoscenza del testo e delle sue problematiche poetiche, storiche e teologico-esegetiche.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali da integrare con la lettura di alcuni testi che verranno indicati durante le lezioni.
Modalità di valutazione: Due verifiche scritte in itinere; esame orale.
Bibliografia: Manuale: V. Morla Asensio, Libros sapienciales y otros escritos (Introducción al Estudio de la Biblia 5; Estella 2019) 287-452 = Libri sapienziali e altri scritti (Introduzione allo Studio della Bibbia 5; Brescia 1997) 233-364; L. Zani, I Salmi preghiera per vivere. Breve guida al Salterio (Parola di Vita; Milano 2003); L. Alonso Schökel, Manuale di poetica ebraica (Biblioteca Biblica 1; Brescia 1989); H.-J. Kraus, Teologia dei Salmi (Biblioteca Teologica 22; Brescia 1989).


S. BAZYLIŃSKI

 

TP1101 Vangeli sinottici

Contenuti: Introduzione generale: la pluralità dei vangeli; la storia della ricerca; le dichiarazioni del Magistero; la questione sinottica; il valore storico dei vangeli. Introduzione particolare ai vangeli sinottici secondo Matteo, Marco e Luca. Esegesi di pericopi scelte da ognuno dei Sinottici.
Obiettivi: Acquisizione delle conoscenze fondamentali riguardanti le problematiche storico-teologico-esegetiche dei Sinottici.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali da integrare con la lettura di alcuni testi che verranno indicati durante le lezioni.
Modalità di valutazione: Due verifiche scritte in itinere; esame orale.
Bibliografia: Manuale (a scelta): R. Aguirre Monasterio – A. Rodríguez Carmona, Evangelios sinópticos y Hechos de los Apóstoles (Introducción al Estudio de la Biblia 6; Estella 2012) = Vangeli sinottici e Atti degli Apostoli (Nuova Introduzione allo Studio della Bibbia 6; Torino 2019); G. De Virgilio, Vangeli sinottici e Atti degli Apostoli. Tradizione, redazione, teologia (Roma 2021); G. Segalla, Evangelo e Vangeli. Quattro evangelisti, quattro Vangeli, quattro destinatari (Bibbia nella Storia 10; Bologna 1994); M. Làconi e altri, Vangeli Sinottici e Atti degli Apostoli (Logos. Corso di Studi Biblici 5; Leumann 1995); J. Auneau – F. Bovon – E. Charpentier – M. Gourgues – J. Radermar­kers, Vangeli sinottici e Atti degli Apostoli (Piccola Enciclopedia Biblica 9; Roma 1983).


S. BAZYLIŃSKI

 

TP1110 Atti degli Apostoli

Contenuti: Atti e il vangelo di Luca. Generi letterari del materiale. Cronologia, testo, struttura. Autore, data, luogo e scopo della composizione. Valore storico. Messaggio teologico. Esegesi di pericopi scelte.
Obiettivi: Acquisizione della conoscenza del testo degli Atti degli Apostoli e delle relative problematiche storico-teologico-esegetiche.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali da integrare con la lettura di alcuni testi che verranno indicati durante le lezioni.
Modalità di valutazione: Due verifiche scritte in itinere; esame orale.
Bibliografia: Manuale (a scelta): R. Aguirre Monasterio – A. Rodríguez Carmona, Evangelios sinópticos y Hechos de los Apóstoles (Introducción al Estudio de la Biblia 6; Estella 2012) = Vangeli sinottici e Atti degli Apostoli (Nuova Introduzione allo Studio della Bibbia 6; Torino 2019); G. De Virgilio, Vangeli sinottici e Atti degli Apostoli. Tradizione, redazione, teologia (Roma 2021); M. Làconi e altri, Vangeli Sinottici e Atti degli Apostoli (Logos. Corso di Studi Biblici 5; Leumann 1995); J. Auneau – F. Bovon – E. Charpentier – M. Gourgues – J. Radermar­kers, Vangeli sinottici e Atti degli Apostoli (Piccola Enciclopedia Biblica 9; Roma 1983).

 

S. BAZYLIŃSKI

 

TP1130 Corpo giovanneo

Contenuti e Obiettivi: Il corso offre un’ampia introduzione al Quarto Vangelo, alle tre lettere attribuite a Giovanni e all’Apocalisse. Attraverso lo studio esegetico di testi scelti, l’attenzione al messaggio teologico e il confronto con i contributi della ricerca più autorevole, lo studente potrà analizzare in modo critico i testi dell’opera giovannea, prendere visione delle questioni tuttora oggetto di dibattito e avviare percorsi di ricerca personali sui temi principali della letteratura giovannea.
Metodo di insegnamento: Le lezioni si svolgeranno in modo frontale, con un ampio uso del supporto multimediale e in dialogo con gli studenti, che saranno coinvolti attraverso la lettura di alcuni articoli/studi indicati durante il corso.
Modalità di valutazione: Al termine del corso è previsto un esame orale, sulla bibliografia indicata dal docente.
Bibliografia: R.E. Brown, Giovanni, Cittadella, Assisi 19866; Id., Le Lettere di Giovanni, Cittadella, Assisi 20002; C. Doglio, La testimonianza del discepolo. Introduzione alla letteratura giovannea, Elledici, Leumann (TO) 2018; G. Ghiberti et alii, Opera Giovannea, (Logos. Corso di Studi Biblici, 7), Elledici, Leumann (TO) 2003; S. Grasso, Il Vangelo di Giovanni. Commento esegetico e teologico, Città Nuova, Roma 2008; R. Infante, Le feste di Israele nel Vangelo secondo Giovanni, San Paolo, Cinisello Balsamo (MI) 2010; X. Léon-Dufour, Lettura dell’evangelo secondo Giovanni, San Paolo, Cinisello Balsamo (MI) 2007; M. Marcheselli, Il quarto Vangelo. La testimonianza del “discepolo che Gesù amava”, San Lorenzo, Reggio Emilia 2021; Y. Simoens, Le tre Lettere di Giovanni. Credere per amare, EDB, Bologna 2012; J.-O. Tuñí – X. Alegre, Scritti giovannei e lettere cattoliche, Paideia, Brescia 1997; R. Vignolo, Personaggi del Quarto Vangelo. Figure della fede in San Giovanni, Glossa, Milano 1994.


G. SCAGLIONI

 

TP1120 Corpo paolino

Contenuti e Obiettivi: Il corso offre un’ampia introduzione al Corpo paolino. Attraverso lo studio della biografia dell’Apostolo, del suo epistolario e del suo pensiero teologico, lo studente sarà in grado di cogliere l’originalità e la ricchezza di una delle personalità più importanti del cristianesimo delle origini. Il contatto diretto con i testi e il confronto con la ricerca più autorevole consentiranno allo studente anche di maturare uno sguardo critico sulle questioni tuttora oggetto di dibattito e avviare percorsi di ricerca personali sui temi principali della letteratura paolina.
Metodo di insegnamento: Le lezioni si svolgeranno in modo frontale, con un ampio uso del supporto multimediale e in dialogo con gli studenti, che saranno coinvolti attraverso la lettura di alcuni articoli/studi indicati durante il corso.
Modalità di valutazione: Al termine del corso è previsto un esame orale, sulla bibliografia indicata dal docente.
Bibliografia: G. De Virgilio, Paolo di Tarso e il suo epistolario. Introduzione storico-letteraria e teologica, EDUSC, Roma 2021; J.D.G. Dunn, La teologia dell’apostolo Paolo (Introduzione allo studio della Bibbia. Supplementi, 5), Paideia, Brescia 1999; G.W. Hawthorne – R.P. Martin – D.G. Reid (a cura), Dizionario di Paolo e delle sue lettere, San Paolo, Cinisello Balsamo (MI) 1999; A. Martin – C. Broccardo – M. Girolami, Edificare sul fondamento. Introduzione alle lettere deuteropaoline e alle lettere cattoliche non giovannee (Graphé, 8), Elledici, Leumann (TO) 2015; A. Pitta, L’evangelo di Paolo. Introduzione alle lettere autoriali (Graphé, 7), Elledici, Leumann (TO) 2013; A. Sacchi et alii, Lettere paoline e altre lettere (Logos. Corso di studi biblici, 6), Elledici, Leumann (TO) 1996.

 

G. SCAGLIONI

 

TP1140 Lettere Ebrei/Giacomo

Contenuti: Lettera agli Ebrei. Introduzione generale. Composizione del­l’opera. Genere letterario. Ambiente di origine. Messaggio. Esegesi di alcuni brani scelti. Lettera di Giacomo. Introduzione generale. Presentazione del contenuto e dell’organiz­zazione letteraria. Messaggio teologico. Saggi di esegesi.
Obiettivi: Acquisizione della conoscenza del testo delle rispettive lettere e delle relative problematiche storico-teologico-esegetiche.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali da integrare con la lettura di alcuni testi che verranno indicati durante le lezioni.
Modalità di valutazione: Due verifiche scritte in itinere; esame orale.
Bibliografia: Manuale (a scelta): J. Sánchez Bosch, Escritos paulinos (Introducción al Estudio de la Biblia 7; Estella 1998) 467-508 = Scritti paolini (Introduzione allo Studio della Bibbia 7; Brescia 2001) 391-425; J.-O. Tuñí – X. Alegre, Escritos joánicos y cartas católicas (Introducción al Estudio de la Biblia 8; Estella 22022) 317-353 = Scritti giovannei e lettere cattoliche (Introduzione allo Studio della Bibbia 8; Brescia 1997) 235-261; A. Martin – C. Broccardo – M. Girolami, Edificare sul fondamento. Introduzione alle lettere deuteropaoline e alle lettere cattoliche non giovannee (Graphé 8; Torino 2015) 247-339 e 341-365; N. Casalini, Lettere Cattoliche. Apocalisse di Giovanni. Introduzione storica, letteraria, teologica (Studium Biblicum Franciscanum. Analecta 58; Jerusalem 2002) 9-74.

S. BAZYLIŃSKI

 

TP125B Liturgia (B) - Speciale

Contenuti: L’anno liturgico: storia, struttura, teologia. La Liturgia delle Ore: origine e sviluppo storico, celebrazione, teologia. Il luogo della celebrazione: l’edificio cultuale e le sue suppellettili. Le benedizioni. La spiritualità liturgica.
Obiettivi: Conoscenza delle caratteristiche, della storia e della teologia dell’anno liturgico; comprensione del significato, la storia e la celebrazione della Liturgia delle Ore; presentazione del simbolismo delle suppellettili del tempio cristiano; conoscenza delle benedizioni; definizione delle forme di spiritualità liturgica. Al termine del corso lo studente dovrebbe essere in grado di utilizzare il calendario liturgico e di celebrare la Liturgia delle Ore con l’ausilio degli appositi libri liturgici.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali.
Modalità di valutazione: Esame orale.
Bibliografia: Manuale: A.-W. Haunerland, Corso di liturgia, nuova edizione interamente riveduta e aggiornata, Queriniana, Brescia 2013; V. Raffa, La Liturgia delle Ore. Presentazione storica, teologica e pastorale, 3ª ed., Edizioni O.R., Milano 1990; P.A. Muroni, Il mistero di Cristo nel tempo e nello spazio. La celebrazione cristiana, Urbaniana University Press, Roma 2014; Anàmnesis, vol. 5-7, a cura di S. Marsili, Marietti, Casale Monferrato 1974-1989; J. Aldazábal, Simboli e gesti: significato antropologico, biblico e liturgico, Elle Di Ci, Torino 1986.


Ł. JANKOWSKI

 

TP120A Sacramenti (A) - In genere, iniziazione cristiana

1. Sacramentaria generale. Esame storico: la sacramentalità come atto costitutivo della creazione. La rivelazione salvifica nella storia di Israele. Il mysterion di Dio in Cristo. Nella storia della Chiesa. Elaborazione teologica: Cristo sacramento di Dio. La Chiesa sacramento di Cristo. I sacramenti della Chiesa. 2. Battesimo e Confermazione: origine e sviluppo storico, celebrazione, teologia. Nel Nuovo Testamento. Dal battesimo al catecumenato (II-III secolo). L’evoluzione del catecumenato (IV-V secolo). Dal tramonto del catecumenato verso un nuovo modello d’iniziazione (VI-XII secolo). Dalla scolastica al Concilio di Trento. Dal Concilio di Trento al Concilio Vaticano II.   3. Eucarestia: origine e sviluppo storico, celebrazione, teologia. Dalla Pasqua storica a quella rituale. La “Cena del Signore” in Paolo, la “Frazione del pane” in Luca, l’“Eucaristia” nei primi scritti post-apostolici e dei Padri (I-III secolo). Le catechesi mistagogiche del IV secolo. I trattati eucaristici medievali. L’eucaristia sacrificio e sacramento nella teologia scolastica e nel Concilio di Trento. La teologia eucaristica nel Concilio Vaticano II. Studio dell’Or­do Missae e del Messale romano, sotto l’aspetto rituale, spirituale e pastorale.

Bibliografia: A. Grillo, Eucaristia. Azione rituale, forme storiche, essenza sistematica, Queriniana, Brescia 2019; A. Nocent (et al.), Anàmnesis, vol. 3.1: La liturgia, i sacramenti: teologia e storia della celebrazione, Marietti, Torino 1992; Associazione Professori di Liturgia, Celebrare il mistero di Cristo, vol. II: La celebrazione dei sacramenti, CLV, Roma 1996; Corso di teologia sacramentaria, vol. II: I sacramenti della salvezza, a cura di A. Grillo – M. Perroni – P.R. Tragan, Queriniana, Brescia 2000; M. Augé, L’iniziazione cristiana. Battesimo e Confermazione, Las, Roma 2010; P. Caspani, Pane vivo spezzato per il mondo. Linee di teologia eucaristica, Cittadella, Assisi 2011; P. Caspani, Rinascere dall’acqua e dallo Spirito. Battesimo e Cresima sacramenti dell’iniziazione cristiana, EDB, Bologna 2009; P. Maranesi, Il contatto che salva. Introduzione alla teologia sacramentaria, Cittadella, Assisi 2016; P.A. Muroni, Iniziazione cristiana, Cittadella, Assisi 2020; V. Raffa, Liturgia eucaristica. Mistagogia della messa dalla storia e dalla teologia alla pastorale pratica, CLV, Roma 2003. Documenti magisteriali: Concilio Ecumenico Vaticano II, Costituzione sulla Sacra Liturgia Sacrosanctum Concilium, Paoline, Milano 2008; Ordinamento generale del Messale Romano. Celebrare e vivere l'eucaristia, a cura di F. Rampazzo – D. Passarin, Messaggero, Padova 2011; Ordinamento generale del Lezionario Romano. Annunciare celebrare e vivere la Parola, a cura di M. Sodi, Messaggero, Padova 2007.

A. COPPOLA

 

TP121B Sacramenti (B) - Penitenza, Unzione degli infermi

1. Penitenza: origine e sviluppo storico, celebrazione, teologia. La Penitenza nella Sacra Scrittura. La Penitenza antica. La Penitenza tariffata. La dicotomia penitenziale. La Penitenza pubblica. La Penitenza privata. La Penitenza confessione. La Penitenza confessione – conversione. Il rito della Penitenza e della Riconciliazione della riforma liturgica del Vaticano II. 2. Unzione degli infermi: origine e sviluppo storico, celebrazione, teologia. L’Unzione degli infermi nel Nuovo Testamento. L’Unzione degli infermi dal III secolo all’epoca carolingia. L’Unzione degli infermi dall’epoca carolingia al rituale tridentino. Il Concilio Vaticano II e il nuovo rituale.
Bibliografia: A. Maffeis, Penitenza e unzione dei malati, Queriniana, Brescia 2012; A. Nocent (et al.), Anàmnesis, vol. 3.1: La liturgia, i sacramenti: teologia e storia della celebrazione, Marietti, Torino 1992; Associazione Professori di Liturgia, Celebrare il mistero di Cristo, vol. II: La celebrazione dei sacramenti, CLV, Roma 1996; Corso di teologia sacramentaria, vol. II: I sacramenti della salvezza, a cura di A. Grillo – M. Perroni – P.R. Tragan, Queriniana, Brescia 2000; E. Casella, Ti trovo o Cristo nei tuoi sacramenti. Lezioni di teologia sacramentaria: penitenza, unzione, ordine, matrimonio, Antonianum, Roma 2018; P. Rouillard, Storia della penitenza dalle origini ai giorni nostri, Queriniana, Brescia 1999.


A. COPPOLA


 

TP122C Sacramenti (C) - Ordine, Matrimonio

1. Ordine: origine e sviluppo storico, celebrazione, teologia. Il sacerdozio nell’Antico Testamento. Gesù Cristo Sacerdote, Re e Profeta. La Chiesa popolo sacerdotale, profetico e regale. Il sacramento dell’Ordine nel Magistero della Chiesa. Il sacramento dell’Ordine nella liturgia. 2. Matrimonio: origine e sviluppo storico, celebrazione, teologia. Fondamento biblico del Matrimonio. Il Matrimonio dei cristiani tra istituzione e sacramento: dai primi secoli al Concilio Vaticano II. Riflessioni teologiche post–conciliari. Il Rito del Matrimonio.
Bibliografia: A. Nocent (et al.), Anàmnesis, vol. 3.1: La liturgia, i sacramenti: teologia e storia della celebrazione, Marietti, Torino 1992; Associazione Professori di Liturgia, Celebrare il mistero di Cristo, vol. II: La celebrazione dei sacramenti, CLV, Roma 1996; Corso di teologia sacramentaria. vol. II: I sacramenti della salvezza, a cura di A. Grillo – M. Perroni – P.R. Tragan, Queriniana, Brescia 2000; E. Casella, Ti trovo o Cristo nei tuoi sacramenti. Lezioni di teologia sacramentaria: penitenza, unzione, ordine, matrimonio, Antonianum, Roma 2018; E. Castellucci, Il ministero ordinato, Queriniana, Brescia 2010; G. Frausini, La teologia del sacramento dell’ordine, Cittadella, Assisi 2019; M. Aliotta, Il Matrimonio, Queriniana, Brescia 2002.


A. COPPOLA


 

TP1160  Cristologia

Contenuti: Dopo un’introduzione riguardo alla metodologia e ad alcune problematiche odierne, si procederà secondo lo schema classico: una prima parte (biblica), in cui si cercherà di osservare come l’identità del Figlio di Dio e la sua azione salvifica si rivelano nella Scrittura; una seconda (storico-dogmatica), in cui si ripercorreranno le principali tappe dell’approfondi­mento teologico del mistero di Cristo nella vita della Chiesa; ed, infine, una terza (sistematica), in cui si proporrà una riflessione sistematica sul mistero di Gesù Cristo, Figlio di Dio e Salvatore, tenendo conto di alcune questioni cristologiche attuali.

Obiettivi: Introdurre allo studio e alla conoscenza del mistero di Cristo, al fine di offrire agli studenti le basi per uno sviluppo sistematico della cristologia.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali con la proiezione di testi e con la possibilità di dialogo.
Modalità di valutazione: Esame orale.
Bibliografia: M. Gronchi, Gesù Cristo, Assisi 2012 [È il testo di riferimento, da integrare con i successivi ivi indicati]; Id., Trattato su Gesù Cristo Figlio di Dio Salvatore, Brescia 2008; E. Galli, Il mistero del Figlio nei Suoi misteri. Un confronto con la cristologia italiana, Roma 2015; A. Begasse de Dhaem, Mysterium Christi. Cristologia e soteriologia trinitaria, Assisi 2021.


E. GALLI

 

TP1230 Antropologia ed Escatologia cristiane

Contenuti: L’affermazione «Colui che è, che era e che viene» (Ap 1,4), mostra la triplice dimensione della fede e il dinamismo che l’attraversa. Gesù Cristo, vero Dio e uomo perfetto (cf. GS 22), è la radice e il senso di ogni discorso sull’uomo. Il medesimo Cristo è “l’ambito vitale” in cui ogni elemento ed evento umano trova la sua collocazione vivificante – è il discorso della vita nuova in Cristo. E il Cristo “che viene” se è il compimento del movimento originario di Dio verso l’umanità (cf. 1Gv 4,19), è anche l’oriz­zonte di compimento verso cui è protesa l’umanità e, con essa, l’intera creazione.
Obiettivi: Il corso mira a illustrare i principali contenuti della fede sull’uomo dalla predestinazione alla nuova creazione in Cristo.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali; laboratorio di lettura, comprensione e discussione di testi; possibilità di ricerca e presentazione in classe di temi specifici.
Modalità di valutazione: Esame orale, partecipazione attiva, eventuale approfondimento personale.
Bibliografia: G. Ancona, Antropologia teologica. Temi fondamentali, Queriniana, Brescia 2014; R. Guardini, Le cose ultime, Vita&Pensiero, Milano 1997; J. Rahner, Introduzione all’escatologia cristiana, Queriniana, Brescia 2018; J. Ratzinger (Benedetto XVI), Escatologia. Morte e vita eterna, edizione rinnovata e ampliata, Cittadella, Assisi 2008; F. Rinaldi, Antropologia teologica, EDB, Bologna 2022; R. Williams, Cristo, cuore della creazione, Queriniana, Brescia 2020.


E. RIMOLI


 

TP1170 Il Mistero di Dio Uno e Trino

Contenuti: 1. Introduzione e metodi. 2. Fonti della fede della Chiesa nel Dio Uno e Trino. 3. La Rivelazione trinitaria nel Primo e nel Nuovo Testamento. 4. La Tradizione: dai Padri alla teologia attuale. 5. Conoscere il Pa­dre, attraverso il Figlio, nello Spirito Santo con affondi sistematici.
Obiettivi: Conoscenza del Mistero della Trinità a partire dall’esperien­za della fede della Chiesa cattolica, approfondita e vissuta attraverso: la Parola del Primo e del Nuovo Testamento, la Tradizione, la riflessione teologica, la liturgia, la spiritualità.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali con supporto di PowerPoint, esercitazioni seminariali, studio personale e a gruppi, ricerche ed esposizioni degli studenti.
Modalità di valutazione: Esame orale. Sulla base di un test a risposte multiple, gli studenti dovranno commentare, approfondire e spiegare.
Bibliografia: P. Coda, Dalla Trinità. L’avvento di Dio tra storia e profezia, Città Nuova, Roma 2011; A. Cozzi, Manuale di dottrina trinitaria, Queriniana, Brescia 2009; W. Kasper, Il Dio di Gesù Cristo, Queriniana, Brescia 1984; G. Greshake, Il Dio Unitrino. Teologia trinitaria, Queriniana, Brescia 2000; L.F. Ladaria, La Trinità, mistero di comunione, Paoline, Roma 2004; T. Longhitano, Vita trinitaria e kenosi, UUP, Città del Vaticano 2013. Testi per gli approfondimenti saranno suggeriti nel corso delle lezioni.


T. LONGHITANO


 

TP1192 Ecclesiologia e Mariologia

Contenuti: Il mistero della Chiesa viene analizzato seguendo un duplice percorso, storico-dogmatico e sistematico. Nel primo approccio saranno evidenziati i problemi relativi alla formazione dei modelli ecclesiologici nella storia, con particolare attenzione al periodo postconciliare. Nel secondo approccio saranno approfondite e sviluppate le tematiche inerenti alla natura e alla missione della Chiesa nel mondo, con un’apertura anche alla questione ecumenica e interreligiosa. Per quanto attiene alla mariologia, si privilegerà l’impostazione conciliare che inserisce la figura e il ruolo della Vergine Maria nella vita della Chiesa e, partendo dall’analisi del capitolo ottavo della Lumen gentium, si costruiranno criticamente le varie tematiche mariologiche che interessano i suoi dogmi e la riflessione sistematica sul ruolo di Maria all’interno dell’opera redentiva del Figlio, nonché sul culto mariano e il legame Maria-Chiesa.
Obiettivi: Il corso si propone di condurre alla comprensione del mistero della Chiesa e della Vergine Maria partendo dall’esplicitazione dei fondamenti epistemologici dell’ecclesiologia e della mariologia, che consentono di tracciarne i presupposti, le istanze e le prospettive in sintonia col rinnovamento operato dal Concilio Vaticano II.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali, lavori di gruppo e discussione in classe; lettura di testi ed esposizioni degli studenti.
Modalità di valutazione: Esame orale.
Bibliografia: Manuali di riferimento per il corso: M. Semeraro, Mistero, comunione e missione. Manuale di ecclesiologia, EDB, Bologna 1996; D. Del Gaudio, Maria di Nazaret. Breve trattato di mariologia, LEV, Città del Vaticano 2014. Altri testi: Documenti del Concilio Vaticano II; Commissione Teologica Internazionale, Temi scelti di Ecclesiologia (1984); Francesco, Esortazione Apostolica Evangelii Gaudium (24 novembre 2013); D. Del Gaudio, Il metodo in ecclesiologia. Problemi e prospettive alla luce del Concilio Vaticano II, LEV, Città del Vaticano 2010; G. Philips, La Chiesa e il suo mistero. Storia, testo e commento della Lumen Gentium, Jaca Book, Milano 1975; S. Pié-Ninot, Ecclesiologia. La sacramentalità della comunità cristiana, Queriniana, Brescia 2008; E. Castellucci, La famiglia di Dio nel mondo. Manuale di ecclesiologia, Cittadella, Assisi 2008; G. Colzani, Maria. Mistero di grazia e di fede, San Paolo, Cinisello Balsamo 2006; G. Calabrese – P. Goyret – O. F. Piazza (edd.), Dizionario di Ecclesiologia, Città Nuova, Roma 2010; G. Ziviani – V. Maraldi, Ecclesiologia, in G. Cannobio – P. Coda (edd.), La teologia del XX secolo. Un bilancio. 2. Prospettive sistematiche, ATI-Città Nuova, Roma 2003, pp. 287-410; A. Serra, Testimonianze bibliche su Maria di Nazareth, Servitium, Roma 2020; J. Ratzinger, Maria Chiesa nascente, San Paolo, Cinisello Balsamo 1988; S. De Fiores – V. Ferrari Schieffer – S. Perrella (edd.), Mariologia, San Paolo, Cinisello Balsamo 2009.


D. DEL GAUDIO


 

TP1430 Introduzione all’ecumenismo e al dialogo interreligioso

Contenuti: L’unica Chiesa di Gesù Cristo, fin dall’inizio, vive in mol­te Chiese incarnandosi nei diversi contesti e creando varie esperienze spiri­tuali, culturali e disciplinari. Già nei suoi primi passi, però, il cristianesimo vede nascere al proprio interno numerose divisioni, a motivo dei peccati e dei limiti degli uomini, di dissensi e controversie sul piano teologico, di condizionamenti sociali, politici e culturali. Alcune di queste scissioni creano gravi fratture che ancora lacerano il corpo del Signore. Il corso si propone di presentare l’evoluzione della coscienza ecumenica della Chiesa cattolica sullo sfondo della storia del movimento ecumenico, con particolare attenzione all’insegnamento conciliare e al decreto Unitatis redintegratio, che verrà stu­diato in modo analitico.
Obiettivi: Comprendere gli snodi del percorso ecumenico delle Chiese cristiane, con particolare riferimento alla Chiesa cattolica e all’insegnamento conciliare del decreto Unitatis redintegratio, nonché le questioni aperte che rappresentano ancora una sfida per il cammino ecclesiale verso l’unità.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali, ricerche guidate ed esposizioni degli studenti.
Modalità di valutazione: Elaborato scritto ed esame orale.
Bibliografia: Z. Kijas, Ecumenismo. Risposte a 101 domande, Edizioni Messaggero, Padova 2008; J. Ernesti, Breve storia dell’ecumenismo. Dal cristianesimo diviso alle chiese in dialogo, EDB, Bologna 2010; A. Maffeis, Unitatis redintegratio. Introduzione e commento, in Commentario ai documenti del Vaticano II. Vol. 3. Orientalium ecclesiarum, Unitatis redintegratio, a cura di R. Repole – S. Noceti, EDB, Bologna 2019, 163-414; S. Morandini, Teologia dell’ecumenismo, EDB, Bologna 2018.


Z. KIJAS


 

TP1440 Missiologia e teologia delle religioni

Contenuti e Obiettivi: Conoscere le principali tradizioni religiose del mondo e le problematiche teologiche e missionarie implicate nel rapporto dialogico ed interculturale con esse. È questa un’esigenza della Chiesa perché, come dichiara il decreto conciliare Ad Gentes, la Chiesa è natura sua missionaria (cf. AG 2). Il suo mandato missionario non perde validità anche quando si riconosca, come invitano a fare le dichiarazioni conciliari Nostra Aetate e Dignitatis humanae, il valore culturale e spirituale delle altre religioni.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali.
Modalità di valutazione: Esame orale.
Bibliografia: Commissione Teologica Internazionale, Il cristianesimo e le religioni, Edizioni Paoline, Cinisello Balsamo (MI) 1997; G. Colzani, Teologia della missione, EDB, Bologna 2019; C. Dotolo, Teologia delle religioni, EDB, Bologna 2021; P. Trianni, Il monachesimo non cristiano, Edizioni Abbazia di Seregno, Seregno (MI) 2008; M. Dhavamony (ed.), Teologia cristiana delle religioni e della missione «Ad gentes», Pontificia Università Gregoriana, Roma 2002.


P. TRIANNI


 

TP1270 Morale fondamentale

Contenuti: Rilettura della tradizione: Sacra Scrittura e storia della teologia morale. I fondamenti teologici e antropologici dell’agire umano. Il    dinamismo dell’agire: libertà, coscienza, virtù, legge, peccato. La vita filiale nella Chiesa.
Obiettivi: Il corso si propone di far acquisire le seguenti competenze: conoscere a grandi linee lo sviluppo storico della teologia morale; conoscere i principali testi del Magistero sui temi oggetto del corso; comprendere l’utiliz­zo delle diverse fonti in teologia morale, in particolar modo la Sacra Scrittura; studiare le diverse parti della disciplina alla luce della «grandezza della vocazione dei fedeli in Cristo» (Optatam totius, n. 16); sapersi orientare nel dibattito morale attuale.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali, con suggerimento di letture integrative.
Modalità di valutazione: Esame orale.
Bibliografia: Testo di riferimento: S. Zamboni, Desiderio e sequela. Breve introduzione alla vita morale, EDB, Bologna 2019. Altri testi: G. Angelini, Teologia morale fondamentale. Tradizione, Scrittura e teoria, Glossa, Milano 1999; B. Häring, Liberi e fedeli in Cristo. Teologia morale per preti e laici – 1. Cristo ci ha liberati perché restassimo liberi, Paoline, Cinisello Balsamo 1987; Giovanni Paolo II, Lettera enciclica Veritatis Splendor (1993); R. Tremblay – S. Zamboni (edd.), Figli nel Figlio. Una teologia morale fondamentale, EDB, Bologna 20162; H. Weber, Teologia morale generale. L’appello di Dio, la risposta dell’uomo, San Paolo, Milano 1996.


S. ZAMBONI


 

TP128A Morale speciale (A) - Morale religiosa

Contenuti: Sarà oggetto di studio la responsabilità religiosa del credente nell’esercizio della vita liturgica e sacramentale, nella purificazione personale e nella conformazione a Cristo attraverso la crescita nelle virtù. Il corso terminerà presentando i precetti cristiani dell’amore dei nemici, della missione evangelizzatrice e dell’accoglienza di uno sguardo sulla realtà a partire dalle beatitudini.
Obiettivi: Il corso intende approfondire il legame tra esistenza battesimale e responsabilità morale nella vita teologale di fede, speranza e carità.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali.
Modalità di valutazione: Esame orale o scritto in presenza.
Bibliografia: Manuale: G. Cesareo, Battesimo e vita morale. L’ethos dell’uomo nuovo in Cristo, Miscellanea Francescana, Roma 2014. M. Cozzoli, Etica teologale. Fede, carità, speranza, San Paolo, Cinisello Balsamo 2016. Altra bibliografia sarà indicata man mano nel corso delle lezioni.


G. CESAREO


 

TP129B Morale speciale (B) - Morale sessuale/familiare e bioetica

Contenuti: a) Dati biblico-teologici. b) Basi antropologiche della morale sessuale. c) Documenti del Magistero relativi all’etica sessuale cristiana. d) La responsabilità etica della famiglia. e) Inizio e fine vita. f) Il peccato nell’ambito sessuale, familiare, bioetico. g) La morale cristiana quale fondamento della responsabilità comportamentale nel contesto delle attuali problematiche inerenti alla questione sessuale, familiare, bioetica.
Obiettivi: Introdurre, attraverso i fondamenti biblici, teologici, etici, alle principali questioni connesse alla sessualità umana e al suo vissuto, alla tutela e alla cura della vita umana, affinando la comprensione e la capacità riflessiva degli studenti in modo che possano essere in grado di argomentarle alla luce dei principi antropologici ed etici della morale cattolica ed offrire sostegno e guida pastorale in ordine alle odierne realtà sociali.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali.
Modalità di valutazione: Esame orale.
Bibliografia: G. Dianin, Matrimonio, sessualità, fecondità. Corso di morale familiare, EMP, Padova 2012; M.P. Faggioni, La vita nelle nostre mani. Corso di bioetica teologica, Dehoniane, Bologna 2016; M.P. Faggioni, Sessualità matrimonio famiglia, EDB, Bologna 2017; S. Anelli, Le dieci Parole. Il dialogo tra Dio e l’uomo, AES, Roma 2019; M. Chiodi, Coscienza e discernimento. Testo e contesto del capitolo VIII di “Amoris laetitia”, San Paolo Edizioni, Milano 2018; M. Chiodi – M. Reichlin, Laicità e bioetica. Prospettive filosofiche e teologiche sulla vita, Morcelliana, Brescia 2016. Testi principali di riferimento: autore M.P. Faggioni.


S. ANELLI


 

TP130C Morale speciale (C) – Morale sociale

Contenuti: «Ad amare Dio diventerai imitatore della sua bontà» (Lettera a Diogneto, X,4). L’accoglienza della rivelazione del Dio Tripersonale comporta un camminare in una vita nuova (cf. Rm 6,4) non solo come singoli, bensì proprio in quanto persone in relazione, costitutivamente inserite in una socialità che – innestata in Cristo, Uomo perfetto, in virtù del battesimo e dell’eucaristia – è essenzialmente ecclesiale, cioè agapica, nel suo complesso: dal lavoro all’economia e all’uso dei mezzi di comunicazione, dalla politica alla cura dell’ambiente e alla promozione della pace e della giustizia.
Obiettivi: Si cercherà di mostrare anzitutto come proprio nella Scrittura, nella Tradizione e nell’insegnamento magisteriale, attraverso la mediazione della riflessione teologica, vengano indicati i valori e le norme fondamentali della vita cristiana nel sociale, che intende anche essere una proposta significativa per tutti gli uomini di buona volontà. Attenzione costante sarà aiutare lo studente a elaborare una riflessione personale sulle questioni sociali odierne sulla base di criteri evangelici.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali.
Modalità di valutazione: Esame orale o scritto in presenza.
Bibliografia: Manuale: Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, Compendio della dottrina sociale della Chiesa, Città del Vaticano 2004 (disponibile nelle principali lingue, su
www.vatican.va). Altri volumi: F. Targoński, I fondamenti storici e sistematici della morale sociale, Roma 2011.


G. CESAREO


 

TP131A Storia della Chiesa (A) - Età antica, Archeologia cristiana

Contenuti: 1. Introduzione metodologica. 2. La situazione della Palestina nel I sec. avanti Cristo (nozioni sociali, politiche, culturali e religiose). 3. La Chiesa nell’Impero romano-pagano (dagli inizi a Costantino). 4. La Chiesa nell’Impero romano-cristiano. 5. La storia dei dogmi. 6. Le invasioni barbariche e quella islamica (dalla pace costantiniana alla fine del VII secolo). 7. Sguardo complessivo sul credo della Chiesa antica nell’arte paleocristiana.
Obiettivi: Gli obiettivi formativi tendono alla conoscenza dei primi otto secoli della storia ecclesiastica, con una particolare attenzione alla nascita dei dogmi cattolici e alle nozioni basilari dell’archeologia cristiana.
Metodo di insegnamento: Il metodo dell’insegnamento è analitico e cronologico tramite le lezioni frontali con l’uso di diverse tavole, cartine e presentazioni multimediali ppt legate alle tematiche. Visita alla biblioteca per la conoscenza dell’uso e la collocazione dei libri e riviste dedicati alla Storia della Chiesa.
Modalità di valutazione: Esame orale (l’elenco delle domande per l’esame verrà consegnato agli studenti nella prima lezione del corso).
Bibliografia: Manuale per il corso: K. S. Frank, Manuale di Storia della Chiesa antica, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2000; P. Testini, Archeologia cristiana, Edipuglia, Bari 1980; Aa.Vv., Nuova storia della Chiesa, vol. I, Marietti, Torino 1970; A. Grabar, L’arte paleocristiana, Rizzoli, Milano 1980.


E. KUMKA


 

TP132B Storia della Chiesa (B) - Età medioevale

Contenuti: Periodo I - Dalla fine del sec. VII a Gregorio VII (681-1073): concetto dell’età medievale; apostolato di s. Bonifacio e conversione dell’Europa centrale; dominio temporale della Santa Sede; restaurazione dell’Impero Occidentale; l’apostolato dei ss. Cirillo e Metodio e la conversione dell’Europa orientale; dissenso tra la Chiesa Orientale e Occidentale. Periodo II - Da Gregorio VII a Bonifacio VIII (1073-1303): Gregorio VII e la controversia delle Investiture; Innocenzo III e il Concilio Lateranense IV; Concilio di Lione II e l’unione con la Chiesa Greca; il movimento crociato; le eresie medievali e l’Inquisizione; Bonifacio VIII. Periodo III - Da Bonifacio VIII alla Riforma protestante (1303-1517): Concilio di Vienna; papato avignonese; lo scisma d’Occidente e il Concilio di Costanza; Concilio di Basilea-Ferrara-Firenze; i primi presagi della Riforma e i loro precursori; la Chiesa e l’Umanesimo.
Obiettivi: Gli obiettivi formativi tendono alla conoscenza dei secoli medievali della storia ecclesiastica, con una particolare attenzione alle lotte tra la Chiesa e il potere laicale fino alla Riforma luterana.
Metodo di insegnamento: Il metodo dell’insegnamento è analitico e cronologico tramite le lezioni frontali con l’uso di diverse tavole, cartine e presentazioni multimediali ppt legate alle tematiche.
Modalità di valutazione: Esame orale (l’elenco delle domande per l’esame verrà consegnato agli studenti nella prima lezione del corso).
Bibliografia: K. Bihlmeyer – H. Tüchle, Storia della Chiesa, vol. II: Il Medioevo, Morcelliana, Brescia 1983; J. Lortz, Storia della Chiesa nello sviluppo delle sue idee, vol. I: Antichità e Medioevo, Paoline, Alba 1980; R. Kottje – B. Möller (a cura di), Storia ecumenica della Chiesa, vol. II: Medioevo e Riforma, Queriniana, Brescia 1981.


E. KUMKA


 

TP133C Storia della Chiesa (C) - Età moderna

1. La crisi protestante in generale. I protagonisti: dati cronologici, sedi operative, movimenti suscitati, loro differenze. 2. Lutero. Il cammino interiore del riformatore: problema di fondo; incontri con Nominalismo; Agostinismo; Mistica germanica; Bibbia. 3. Riflessi sociali e politici della crisi luterana; Pace di Augusta e di Westfalia; senso della formula “Cujus regio, ejus religio”. 4. Calvino e il protestantesimo riformato: biografia del protagonista  nelle sue tappe essenziali; confronto (uguaglianze e differenze) con la visione del mondo luterana; le grandi correnti del protestantesimo riformato. 5. L’Angli­canesimo. La questione di Enrico VIII e la posizione dei cattolici (T. Moro, Fisher, ecc.); dallo scisma all’eresia e la rinascita cattolica in Inghilterra. 6. Dalla crisi protestante alla riforma cattolica: a) Riforma cattolica, Controriforma, Restaurazione come concetti storiografici. b) Loro movimento (dalle membra al vertice), avvio dai Concili di Basilea, Costanza, Lateranense V. 7. L’iniziativa della riforma cattolica al vertice: a) Iniziative di Leone X, Adriano VI e Paolo III precedenti il Tridentino. b) Convocazioni del Concilio di Trento: luoghi e motivi delle variazioni di sede. c) Fonti e bibliografia sul Tridentino. 8. Il Concilio Ecumenico Tridentino: a) Forma e procedura confrontata con i concili del M. Evo. b) Schema generale delle principali sessioni conciliari nei tre periodi: date, Papi, durata. c) Applicazioni delle decisioni tridentine grazie ai Papi, Nunzi, Ordini religiosi (DS p. 1063). 9. Valutazione del Tridentino sotto il profilo ecumenico: a) I tre obiettivi che occuparono effettivamente il tempo del Concilio e loro esiti. b) Elementi positivi e negativi sotto il profilo ecumenico. c) La grandiosa opera di restaurazione morale per cui la Chiesa diventa cura d’anime. d) Dal Tridentino al tridentismo. 10. Il nuovo corso Missionario scaturito dalla R.C.: a) Esplorazioni e scoperte geografiche dei secc. XV-XVI. b) La tendenza concordataria della missione fra Santa Sede e Portogallo e Spagna: il patronato. c) La tendenza ecclesiale e i suoi rappresentanti: Saverio, Valignano, Ricci, Nobili, Las Casas.
Bibliografia: K. Bihlmeyer – H. Tüchle, Storia della Chiesa, III, Morcelliana, Brescia 1983; H. Jedin (red.), Storia della Chiesa, VII, Jaca Book, Milano 1978; G. Martina, Storia della Chiesa, Roma 1993; I. Lenzenweger – P. Stockmeier – K. Amon – R. Zinnhobler, Storia della Chiesa, Paoline 1989; Testi nella collana Spiritualità cristiana, Ediz. Studium, Roma.


A. MĄCZKA


 

TP134D Storia della Chiesa (D) - Età contemporanea

1. Introduzione cronologica sui momenti salienti della vicenda ecclesiale dal pontificato di Pio VI a quello di Benedetto XVI. 2. La Rivoluzione francese: fatti e interpretazioni storiografiche; Napoleone e Pio VI; la restaurazione politica ed ecclesiastica; la rinascita missionaria; fermenti di base e l’opera di Gregorio XVI. 3. Il confronto tra il Liberalismo e la Chiesa: genesi del fenomeno liberale e sue esplicazioni storiche; gli “intransigenti” e i “cattolici liberali”; Gregorio XVI e il caso di Lammennais; Pio IX: l’Immacolata, il Sillabo; il Vaticano I; la fine dello Stato Pontificio; il Kulturkampf; S. Pio X: Modernismo e Integralismo. 4. La Questione sociale: significato del fenomeno storico nel secolo XIX; cause; soluzioni diverse nel mondo anglosassone e nel continente europeo; Leone XIII e le successive encicliche dei papi, coerentemente alle iniziative del movimento cattolico europeo e al tipo di “presenza della Chiesa nel mondo”. 5. Opus iustitiae pax: Benedetto XV e il Primo conflitto mondiale; la pax aliqua e le motivazioni di opposti totalitarismi sfocianti nella Seconda guerra mondiale; la figura e l’opera di Pio XI e Pio XII; arte religiosa, pietà popolare, associazionismo cattolico; il risveglio dei c.d. “popoli di colore”. 6. Il Concilio Ecumenico Vaticano II. La riflessione storica della Chiesa prima e dopo il Concilio Vaticano II: Giovanni XXIII e la Pacem in terris, Paolo VI e la continuazione del Concilio, Giovanni Paolo I, Giovanni Paolo II, Benedetto XVI. La riscoperta della coscienza missionaria della Chiesa; associazionismo e movimenti religiosi contemporanei; elementi critici per valutare l’attuale camino della Chiesa.
Bibliografia: Oltre agli autori e documentazioni citati per il periodo storico precedente (TP133C), K. Bihlmeyer – H. Tüchle, Storia della Chiesa, III-IV, Brescia 1983; H. Jedin (red.), Storia della Chiesa, VII-X/2, Jaca Book, Milano 1978; Aa.Vv., Problemi della storia della Chiesa dalla Restaurazione all’unità d’Italia, Ed. Dehoniane, Bologna 1982; S. Tramontin, Un secolo di storia della Chiesa: da Leone XIII al Concilio Vaticano II, Ed. Studium, Roma 1980; G. Martina, Storia della Chiesa, Morcelliana, Brescia 1993.


A. MĄCZKA


 

TP135A Diritto canonico (A) – Le norme generali – Il popolo di Dio parte I e II

Contenuti: 1. La Chiesa Cattolica e il suo ordinamento giuridico.      2. Brevi note di introduzione al Codice di Diritto Canonico. 3. I canoni preliminari. 4. Le fonti del diritto nel Codice canonico. 5. Le leggi ecclesiastiche. 6. La consuetudine. 7. Decreti generali e istruzioni. 8. Gli atti amministrativi singolari. 9. Statuti e regolamenti. 10. Le persone fisiche e giuridiche. Gli atti giuridici. 11. La potestà di governo. 12. Gli uffici ecclesiastici e la loro perdita. 13. La prescrizione e il computo del tempo. 14. I fedeli cristiani. 15. Obblighi e diritti dei fedeli tutti e dei fedeli laici. 16. I ministri sacri o chierici. 17. Le prelature personali. 18. Le associazioni di fedeli. 19. La suprema autorità della Chiesa. 20. Le Chiese particolari e i loro raggruppamenti. 21. Struttura interna delle Chiese particolari.
Obiettivi: Il corso si propone innanzitutto di introdurre lo studente nello specifico mondo della scienza giuridica attraverso un percorso di teoria generale del diritto. Il secondo obiettivo è rappresentato dallo studio del diritto nell’esperienza della Chiesa attraverso gli strumenti della normazione. Il terzo obiettivo è quello di esaminare accademicamente le Norme generali della Chiesa (Libro I Codice di Diritto Canonico CIC), il Popolo di Dio    (Libro II CIC) parte I e parte II. Un lavoro di apprendimento mirato ad ottenere la padronanza dei concetti fondamentali del Codice e la capacità di sapersi orientare, senza difficoltà, tra i canoni che lo compongono. Dunque non un mero impegno mnemonico bensì di comprensione accademica.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali.
Modalità di valutazione: Esame orale.
Bibliografia: Codice di Diritto Canonico. E leggi complementari, Coletti, Roma 2022 (7ª ed.); A. Montan, Il diritto nella vita e nella missione della Chiesa, EDB, Bologna 2006 (2ª ed.); V. De Paolis – A. D’Auria, Le Norme Generali. Commento al Codice di Diritto Canonico. Libro I, Urbaniana University Press, Roma 2019 (2ª ed.); P. Valdrini, Comunità, persone, governo, Lateran University Press, Roma 2013; Materiale del docente.


A. D'ALESSIO


 

TP136B Diritto canonico (B) – Il popolo di Dio parte III –  La funzione d’insegnare della Chiesa – I beni temporali della Chiesa

Contenuti: 1. La vita consacrata: fondamenti dottrinali e prospettive giuridiche. 2. Gli istituti di vita consacrata: norme comuni a tutti. 3. Gli istituti religiosi. 4. Gli istituti secolari. 5. Le Società di vita apostolica. 6. Il ministero della parola divina. 7. L’azione missionaria della Chiesa. 8. L’educa­zione cattolica. 9. Gli strumenti della comunicazione sociale. 10. La professione di fede. 11. L’acquisto dei beni. 12. L’amministrazione dei beni. 13. I contratti. 14. L’alienazione. 15. Pie volontà in generale. 16. Pie fondazioni. 17. Gli enti ecclesiastici. 18. La potestà esecutiva del vescovo diocesano nell’amministrazione dei beni ecclesiastici. 19. Le modalità di sovvenzione della Chiesa.
Obiettivi: Il corso, nella prima fase, si propone di accompagnare lo studente nell’approfondimento della parte III del Libro II CIC, che tratta “Gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica”. Gesù Cristo viene incontro all’uomo nella Chiesa anche attraverso il carisma fondazionale di un Istituto e di una Società, realtà che trovano opportunità, nell’apposita normativa canonica, di poter meglio servire i fedeli. Nella seconda parte del corso si approfondirà il Libro III CIC che riporta i canoni sulla “Funzione di insegnare della Chiesa” che, nel delicato panorama educativo storico, diventa per la Chiesa non solo un esercizio di diritto proprio ma anche un dovere missionario. Da ultimo si analizzerà il Libro V CIC che offre la normativa concernente “I beni temporali della Chiesa”. Non mancherà un riferimento alla legislazione pattizia e al diritto civile che sempre più rilevano nella vita ecclesiale delle Chiese particolari e degli Istituti religiosi.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali.
Modalità di valutazione: Esame orale.
Bibliografia: Codice di Diritto Canonico. E leggi complementari, Coletti, Roma 2022 (7ª ed.); D. J. Andrés, Il diritto dei religiosi: Commento esegetico al Codice, Ediurcla, Roma 1994; V. De Paolis, La vita consacrata nella Chiesa, EDB, Bologna 1992; V. De Paolis, I beni temporali della Chiesa, EDB, Bologna 2016; Conferenza Episcopale Italiana, Istruzione in materia amministrativa (2005); Materiale del docente.


A. D'ALESSIO

 

TP137C Diritto canonico (C) – La funzione di santificare della Chiesa – Le sanzioni penali – I processi

Contenuti: 1. La funzione di santificare della Chiesa; norme generali sui sacramenti. 2. I sacramenti dell’iniziazione cristiana: Battesimo, Cresima ed Eucaristia. 3. Il sacramento della penitenza. 4. Il sacramento dell’unzione degli infermi. 5. L’Ordine. 6. Il matrimonio: definizione del matrimonio canonico (essenza, fini, natura, proprietà); requisiti della valida celebrazione; la tutela giuridica e le diverse specie; la preparazione; la celebrazione (il consenso, gli impedimenti, la forma canonica); i matrimoni misti; effetti della celebrazione valida; rimedi della celebrazione invalida. 7. Gli altri atti del culto divino. 8. I luoghi e i tempi sacri. 9. Le sanzioni penali nella Chiesa: delitti e pene in genere; i singoli delitti e le pene. 10. I delicta graviora contra mores. 11. I processi: il giudizio in generale; il giudizio contenzioso. 12. Alcuni processi speciali. 13. I processi matrimoniali. 14. Il processo penale.
Obiettivi: All’inizio del corso si esaminerà in modo sistematico il Libro IV CIC “La funzione di santificare della Chiesa” nella consapevolezza che i Sacramenti sono alla base di tutta la struttura giuridica della Chiesa e della sua azione. Particolare attenzione sarà riservata al Sacramento del Matrimonio per la complessità degli aspetti giuridici che lo riguardano. Nella seconda parte del corso si analizzerà il nuovo Libro VI CIC “Le sanzioni penali della Chiesa” promulgato il 1° giugno 2021 con la Costituzione Apostolica Pascite gregem Dei. Gli studenti saranno accompagnati a vincere i ricorrenti pregiudizi verso il sistema penale canonico che, in un’ottica ecclesiale corretta, resta uno strumento imprescindibile per tutelare la comunione e la salvezza delle anime attraverso l’autentica misericordia. Si terminerà con lo studio del Libro VII “I processi”. Alla fine dei tre corsi di Diritto Canonico offerti dalla Facoltà gli studenti avranno contezza del pieno inserimento della materia nella vita pastorale della Chiesa e sapranno orientarsi con padronanza nel Codice di Diritto Canonico.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali.
Modalità di valutazione: Esame orale.
Bibliografia: Codice di Diritto Canonico. E leggi complementari, Coletti, Roma 2022 (7ª ed.); Il diritto nel mistero della Chiesa, vol. III, a cura del Gruppo Italiano Docenti di Diritto Canonico, Pontificia Università Lateranense, Roma 1992; L. Sabbarese, Il matrimonio canonico nell’ordine della natura e della grazia. Commento al Codice di Diritto Canonico, Urbaniana University Press, Roma 2019; B. F. Pighin, Il diritto penale canonico, Marcianum Press, Venezia 2014; Z. Suchecki, Le sanzioni penali nella Chiesa, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 1999; M. J. Arroba Conde, Diritto processuale canonico, Ediurcla, Roma 2020; Z. Suchecki, Il processo penale canonico, Lateran University Press, Roma 2003; Materiale del docente.


A. D'ALESSIO

 

TP142A Patrologia e Patristica (A): dalle origini a Nicea (325)

Contenuti: 1. Definizione dei concetti di Padre della Chiesa, dottore e scrittore ecclesiastico, Patrologia, patristica e storia della letteratura cristiana; 2. I Padri apostolici (Didaché, Clemente di Roma, Ignazio di Antiochia, il Pastore di Erma); 3. Gli apologisti greci (Giustino martire); 4. La nascita del pensiero teologico (Ireneo di Lione); 5. I Padri latini d’Africa (Minucio Felice, Tertulliano, Cipriano); 6. Gli alessandrini (Clemente di Alessandria, Origene); 7. La svolta costantiniana (Eusebio di Cesarea); 8. La crisi ariana del IV secolo e il concilio di Nicea (325).
Obiettivi: Con il corso lo studente apprenderà i concetti, i contenuti e la metodologia della ricerca in ambito patristico dalle origini al concilio di Nicea (325).
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali affiancate dalla lettura delle fonti patristiche.
Modalità di valutazione: L’esame sarà orale. Ogni studente, oltre a preparare il programma svolto a lezione, dovrà leggere e relazionare su un’opera di un autore a scelta dal tesario offerto in classe.
Bibliografia: M. Girolami, Le prime vie per seguire Gesù. Introduzione alla Patrologia (I-III secolo), Edizioni Messaggero, Padova 2021; E. Cattaneo – G. De Simone – C. Dell’Osso – L. Longobardo (a cura di), Patres ecclesiae. Una introduzione alla teologia dei Padri della Chiesa, Il pozzo di Giacobbe, Trapani 2015; E. Prinzivalli – M. Simonetti, La teologia degli antichi cristiani (secoli I-V), Morcelliana, Brescia 2012; E. Prinzivalli – M. Simonetti, Storia della letteratura cristiana antica, EDB, Bologna 2010; Nuovo Dizionario patristico e di Antichità cristiane, 3 voll., a cura di A. Di Berardino, Marietti, Genova – Milano 2006-2008.


J. LEONI


 

TP142B Patrologia e Patristica (B): da Nicea (325) all’VIII secolo

Contenuti: 1. La fine della crisi ariana: i Padri cappadoci (Basilio di Cesarea, Gregorio di Nazianzo e Gregorio di Nissa); 2. La controversia cristologica: Cirillo di Alessandria; 3. Vescovi e pastori: Giovanni Crisostomo; Ambrogio di Milano; Girolamo; Agostino d’Ippona; Leone Magno; 4. Giovanni Damasceno e la controversia iconoclasta; 5. La controversia monotelita: Massimo il confessore.
Obiettivi: Con il presente corso, in continuità con il precedente, lo studente completerà lo studio dei Padri della Chiesa dal concilio di Nicea (325) all’VIII secolo.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali affiancate alla lettura dei testi e delle fonti patristiche.
Modalità di valutazione: L’esame orale prevede, oltre alla verifica sul programma svolto, anche la lettura e l’esposizione di un’opera di un padre o un autore cristiano antico secondo il tesario di testi offerto in classe.
Bibliografia: E. Cattaneo – G. De Simone – C. Dell’Osso – L. Longobardo (a cura di), Patres ecclesiae. Una introduzione alla teologia dei Padri della Chiesa, Il pozzo di Giacobbe, Trapani 2015; E. Prinzivalli – M. Simonetti, La teologia degli antichi cristiani (secoli I-V), Morcelliana, Brescia 2012; E. Prinzivalli – M. Simonetti, Storia della letteratura cristiana antica, EDB, Bologna 2010; Nuovo Dizionario patristico e di Antichità cristiane, 3 voll., a cura di A. Di Berardino, Marietti, Genova – Milano 2006-2008.


J. LEONI


 

TP1380 Teologia spirituale

Contenuti: Il corso si propone di introdurre allo studio della teologia spirituale. I contenuti comprendono: la definizione ragionata della disciplina della teologia spirituale, le sue caratteristiche, le sue fonti; la chiamata alla santità del battezzato quale membro vivo della Chiesa, lo studio della nozione di esperienza, della teologia delle mediazioni, dell’unitarietà del cammino spirituale ascetico-mistico, e dello sviluppo della vita di preghiera.
Obiettivi: Riconoscere i principi teologico-spirituali fondanti la santità cristiana. Descrivere gli elementi basilari e costanti che connotano un itinerario spirituale cristiano. Acquisire maggior conoscenza e consapevolezza del proprio cammino spirituale cristiano.
Metodo di insegnamento: Le lezioni si svolgeranno in modalità frontale e sarà richiesto a ciascuno studente di analizzare due testi classici della spiritualità cristiana individuandone gli elementi fondanti l’itinerario di esperienza cristiana e di crescita spirituale che propongono.
Modalità di valutazione: La valutazione prevede un esame orale sui contenuti del corso, e la consegna delle due analisi scritte dei testi classici della spiritualità cristiana scelti dallo studente.
Bibliografia: Papa Francesco, Esortazione apostolica Gaudete et exsultate, Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2018; Congregazione per la Dottrina della Fede, Lettera Orationis formas, su alcuni aspetti della meditazione cristiana, Editrice Vaticana, Città del Vaticano 1991; M. Rondet, Lasciatevi guidare dallo Spirito, Edizioni Paoline, Cinisello Balsamo 2008; F. Ruiz, Le vie dello Spirito. Sintesi di teologia spirituale, Dehoniane, Bologna 1999; M. I. Rupnik, Nel fuoco del roveto ardente. Iniziazione alla vita spirituale, Lipa, Roma 2000.


A. TAGLIAFICO


 

TP1390 Teologia pastorale generale

Contenuti: Il corso intende focalizzare l’oggetto teologico-pastorale e il modello metodologico della disciplina oggetto del nostro studio. Dopo aver indagato sulla natura e i compiti della teologia pastorale, verranno affrontate alcune questioni che riguardano: l’immagine della pastorale nella Bibbia, mo­delli pastorali e le riflessioni recenti sulla disciplina. Si affronteranno in particolare: la storia della teologia pastorale; lo statuto epistemologico della disciplina; oggetto, prospettive e fondamento dell’azione pastorale; la prospettiva teologico-pastorale di papa Francesco; la parrocchia: storia, teoria e prassi; principali modelli operativi di pastorale e aspetti dell’agire pastorale oggi; la fisionomia dell’operatore pastorale; la famiglia: il volto bello dell’umano; la programmazione pastorale.
Obiettivi: Il corso intende introdurre gli studenti alla conoscenza e al metodo della teologia pastorale. Verranno presentati alcuni “luoghi” pastorali significativi per la vita ecclesiale attuale per rileggerli attraverso una riflessione teologico-pastorale nel contesto del panorama teologico attuale.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali con la partecipazione attiva ai dibattiti.
Modalità di valutazione: L’esame sarà orale, con la presentazione di un progetto di pastorale realizzato dallo studente.
Bibliografia: F. Di Natale, Guidasti come un gregge il tuo popolo (Sal 77,21). Elementi di Teologia pastorale in prospettiva storica, Leumann (TO) 2010; S. Giuliano, Corso di Teologia pastorale e catechetica, Milano 2021; V. Grolla, L’agire della Chiesa. Lineamenti di teologia dell’azione pastorale, Padova 1995; S. Pintor, L’uomo via della Chiesa. Elementi di teologia pastorale, Bologna 1999; G. Villata, L’agire della Chiesa. Indicazioni di teologia pastorale, Bologna 2014.


F. CELESTINO

 

SEMINARI (I sem.)

 

TS1025 Aspetti ecclesiologici della vita consacrata

M. PANGALLO



TS1026 La paternità spirituale nell’Oriente cristiano
 
Contenuti: Il seminario si propone nell’ampio contesto dello studio della spiritualità dell’Oriente cristiano, come una approssimazione alla paternità spirituale così come è stata vissuta e tramandata nella Tradizione della Chiesa lungo i secoli, seguendo il cammino tracciato dai Padri e le Madri del deserto, la prima tradizione monastica, il patrimonio spirituale dei santi Padri dell’Oriente e l’apporto significativo della spiritualità dei popoli slavi con la paternità propria dello starets.
Obiettivi: L’acquisizione di una conoscenza generale sulla natura della paternità spirituale, la storia e lo sviluppo della prassi della guida o accompagnamento spirituale nell’Oriente cristiano permetterà di riconoscere elementi essenziali della vita spirituale e del discernimento vissuti dai santi Padri e Madri dell’Oriente e tramandati tramite i loro detti e scritti, divenuti fonti fondamentali della spiritualità cristiana.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali, letture guidate ed esposizioni degli studenti.
Modalità di valutazione: Elaborato scritto. Si prenderà inoltre in considerazione la partecipazione attiva nel seminario e le eventuali esposizioni degli studenti in classe.
Bibliografia: Manuale di riferimento: I. Hausherr, Padre, dimmi una parola. La direzione spirituale nell’antico Oriente, Scritti Monastici, Abbazia di Praglia 2012. Altri testi: Vita e detti dei padri del deserto, a cura di L. Mortari, Città Nuova, Roma 1997; Atanasio di Alessandria, Vita di Antonio, Città Nuova, Roma 2015; I. Bălan, Il mio padre spirituale. Vita e insegnamenti di Cleopa di Sihăstria, Lipa, Roma 2002; E. Citterio et Al., In colloquio. Alla scoperta della paternità spirituale, Lipa, Roma 1995. Altra bibliografia sarà suggerita dal docente durante il seminario.


Á. CONDE



TS1024 La tutela dei minori nell’Ordinamento canonico

Contenuti: 1. La nozione di minore nel diritto canonico. 2. I minori nella storia del diritto canonico. 3. I diritti dei minori. 4. Normativa canonica sui minori e sulle persone vulnerabili. 5. Il processo penale canonico e la tutela dei minori. 6. Questioni in materia di giurisdizione e rapporti interordinamentali. 7. Le indicazioni della Conferenza Episcopale Italiana e della Conferenza Italiana Superiori Maggiori sui minori. 8. Segnalazione degli abusi sui minori, segreto d’ufficio e riservatezza. 9. La responsabilità civile degli enti ecclesiastici per gli abusi sui minori. 10. Casi giurisprudenziali.
Obiettivi: “L’abuso, in ogni sua forma, è inaccettabile. L’abuso sessuale sui bambini è particolarmente grave perché offende la vita mentre sta sbocciando. Invece di fiorire, la persona abusata viene ferita, a volte anche indelebilmente” (Papa Francesco - Udienza ai Membri della Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori, 29.04.2022). Il seminario si propone di fornire ai partecipanti gli elementi essenziali e necessari per conoscere approfonditamente come la Chiesa tuteli, attraverso il suo ordinamento, i minori e le persone vulnerabili. In prospettiva degli impegni a cui il clero secolare e religioso, insieme ai laici impegnati, saranno chiamati nell’azione pastorale, si illustreranno le indicazioni pratiche che la Chiesa ha formulato.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali, letture guidate ed esposizioni degli studenti.
Modalità di verifica: Elaborato scritto. Si prenderà inoltre in considerazione la partecipazione attiva nel seminario e le eventuali esposizioni degli studenti in classe.
Bibliografia: C. Gentile, I delicta graviora contra mores, Ed. Aracne 2018; S. Loppacher, Processo penale canonico e abuso sessuale sui minori, EDUSC 2017; C.E.I. – C.I.S.M., Linee guida per la tutela dei minori e delle persone vulnerabili, Roma, 24 giugno 2019; C.E.I. Servizio Nazionale per la Tutela dei Minori, Sussidio per i formatori, gli educatori e gli operatori pastorali, 1 - Le ferite degli abusi, a cura di A. Deodato – A. Cencini – G. Ugolini; C.E.I. Servizio Nazionale per la Tutela dei Minori, Sussidio per i formatori, gli educatori e gli operatori pastorali, 2 - Buone prassi di prevenzione e tutela dei minori in parrocchia, a cura di G. Marchetti – F. Airoldi; Normativa di riferimento dell’ordinamento civile italiano.


A. D’ALESSIO
 

CORSI OPZIONALI (II sem.)
 

TP1415Genitorialità responsabile: una sfida per la famiglia di domani

Contenuti: 1. La famiglia fondamento della società; 2. Amore coniugale e amore genitoriale; 3. Diritti e doveri genitoriali quali responsabilità per la formazione della persona; 4. Famiglia e Chiesa nella realtà dell’odierno contesto sociale; 5. Genitori e figli nella reciprocità dell’ascolto sulle difficoltà relazionali ed esistenziali per la crescita personale e culturale.
Obiettivi: Il corso intende presentare ed evidenziare: quanto la genitorialità responsabile sia la base per il costante armonioso rapporto fra i suoi componenti; quanto una genitorialità carente dei valori che tutelano l’essenza della persona incidano sulla formazione rendendone fragili le basi portanti di un equo inserimento nel sociale; quanto la coscienza sia guida per un cammino di formazione responsabile per genitori separati, conviventi, figli con problemi d’identità.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali.
Modalità di valutazione: Esame orale.
Bibliografia: Francesco, Amoris Laetitia, LEV, Città del Vaticano 2016; G. Del Missier – A.G. Fidalgo (edd.), Amoris laetitia. Il Vangelo dell’Amore: un cammino da intraprendere, Messaggero, Padova 2018; G. Del Missier (a cura), Vulnerabile e preziosa, Messaggero, Padova 2019; M. Ouellet, Mistero e sacramento dell’amore. Teologia del matrimonio e della famiglia per la nuova evangelizzazione, Cantagalli, Siena 2007; S. Kampowski – J. Granados – J.J. Pérez-Soba (edd.), Amoris Laetitia: Accompagnare, discernere, integrare. Vademecum per una nuova pastorale familiare, Cantagalli, Siena 2017; Pontificio Consiglio per la Famiglia, Famiglia e questioni etiche, EDB, Bologna-Roma 2004; A. Gervasio, Modelli educativi per la famiglia contemporanea, Booksprint, 2017.


S. ANELLI



TP1392 • Teologia pastorale catechetica
 
Contenuti: Il corso si articola in otto “blocchi tematici”. a) La dinamica del rapporto tra Catechesi e Catechetica. b) Il problema catechistico e catechetico nel contesto culturale e pastorale del nostro tempo. c) L’ecclesio­logia di comunione e di servizio impone di ripensare le diverse modalità evangelizzatrici. d) Che cosa significa evangelizzare in una società secolarizzata e pluralista sul piano culturale e religioso. e) Le opzioni fondamentali da privilegiare per una mirata pastorale evangelizzatrice. f) Gli obiettivi specifici di una catechesi differenziata in relazione all’esperienza religiosa: dall’inizia­zione alla educazione ‘alla’ o ‘della’ fede. g) Il percorso formativo dall’infan­tilismo religioso ad una religiosità matura. h) Le variabili fondamentali della “competenza” del catechista.
Obiettivi: Abilitare all’annuncio della fede evangelica nel contesto di una ecclesiologia di comunione e di servizio.
Metodo di insegnamento: Lezioni frontali e dinamica di gruppo; impiego di supporti didattici tradizionali e innovativi.
Modalità di valutazione: Esame orale o scritto.
Bibliografia: Il testo-base del corso: E. Alberich, La catechesi oggi. Manuale di catechetica fondamentale, Elledici, Torino 2001. Testo di supporto: Istituto Catechetica UPS, Andate e insegnate. Manuale di catechetica, Elledici, Torino 2002. Documenti del Magistero: CEI, Educare alla vita buona del Vangelo. Orientamenti pastorali dell’episcopato italiano per il decennio 2010-2020, Roma 2010. Mirata bibliografia di riferimento e dispense aggiuntive del professore.


F. CELESTINO


 
TP1416 Catechesi e pastorale giovanile
 
Contenuti: Il corso intende offrire una chiave di lettura circa l’attuale ruolo della Catechesi nel campo della pastorale giovanile. Il criterio della conversione pastorale sarà l’orizzonte nel quale tutti i contenuti del corso acquistano significato. Sinodalità come stile di catechesi fraterna, fondamenti antropologici e apertura relazionale sono tre ambiti di approfondimento per una catechesi in uscita, secondo le indicazioni del magistero di Papa Francesco. Tutti i contenuti saranno letti nel contesto dell’identità digitale dei giovani contemporanei.
Obiettivi: Gli obiettivi del corso sono prevalentemente orientati alla formazione della competenza catechistica e mentalità pastorale. Le conoscenze fornite acquistano senso nella misura in cui servono a convertire uno stile di catechesi in uscita secondo uno stile pedagogico e catecumenale. In tal senso il corso vuole essere uno spazio di pensiero e laboratorio nel quale si possano individuare insieme dei criteri di rinnovamento della catechesi.
Metodo di insegnamento: La metodologia, oltre le lezioni frontali, prevede soprattutto l’investimento di risorse in laboratori di ricerca ed approfondimento in gruppo. La ricerca personale sul campo pastorale servirà da supporto ad una metodologia sinodale del fare teologia.
Modalità di valutazione: Esame orale.
Bibliografia: Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, Direttorio per la catechesi, 2020; S. Currò, Giovani, Chiesa e umanità. Percorsi di teologia pratica sulla conversione pastorale, Elledici, Torino 2021; R. Sala, Pastorale giovanile. Evangelizzazione e educazione dei giovani. Un percorso teorico-pratico, Las, Roma 2017; C. Pastore – A. Romano, La catechesi dei giovani e i new media. Nel contesto del cambio di paradigma antropologico-culturale, Elledici, Torino 2015; C. Cacciato (ed.), Pensare il futuro della catechesi. Prospettive catechetiche, Elledici, Torino 2015; F. Moog – J. Molinaro, La catechesi e il contenuto della fede, Elledici, Torino 2012; R. Predoti, Identità dell’uomo digitale. Antropologia del linguaggio digitale e implicazioni catechetiche, Cittadella, Assisi 2022.


R. PREDOTI
 

CORSO EXTRA-ACCADEMICO (I sem.)

 

TX1003 • La confessione sacramentale: aspetti canonici e pastorali

Il corso, partendo dagli elementi teologico-dogmatici, cui sarà fatto breve riferimento, intende approfondire gli aspetti canonici del sacramento della penitenza e la sua prassi pastorale, con particolare attenzione alle situazioni difficili (peccati riservati, ricorso alla Penitenzieria apostolica, ecc.). L’obiettivo è di avere uno stile pastorale caratterizzato dall’accoglienza e dalla misericordia, mai disgiunta dalla verità. Per una conoscenza più circostanziata della modalità di procedere in alcuni casi difficili, ci si avvarrà del contributo di un confessore della Penitenzieria vaticana o di un officiale della Penitenzieria apostolica.
Bibliografia: P. Caspani, Lasciatevi riconciliare con Dio. Il sacramento della Penitenza, Cittadella, Assisi 2013; E. Miragoli, Il sacramento della Penitenza. Il ministero del confessore: indicazioni canoniche e pastorali, Ancora, Milano 2015; C. Papale (ed.), I delitti contro il sacramento della Penitenza riservati alla Congregazione per la Dottrina della Fede, Urbaniana
, Roma 2016.

R. LEŻOHUPSKI
 

CORSI INTEGRATIVI


TR101L Latino

Contenuti: Il corso di Latino è un corso-base pensato per gli studenti che non hanno alcuna conoscenza pregressa della lingua latina. Gli studenti che abbiano già una conoscenza di base del Latino possono utilizzare questo corso come un ripasso guidato. Il corso partirà, dunque, da nozioni di linguistica generale applicate poi alla specificità morfologica e sintattica della lingua latina. Lo studio del sistema nominale e del sistema verbale procederà di pari passo per consentire in breve agli studenti di analizzare e tradurre frasi di complessità crescente. Acquisite le competenze di base, sarà proposta la lettura (analisi e traduzione) di testi scelti dalla Vulgata, dalla Letteratura Patristica e dal Magistero della Chiesa.
Obiettivi: Gli obiettivi del corso sono calibrati sulle necessità accademiche degli studenti. La trattazione teorica della lingua sarà volta soprattutto alla acquisizione delle nozioni necessarie alla comprensione (non alla produzione) di testi in latino che possano risultare utili nei corsi teologici e biblici. A questo scopo si darà ampio spazio allo sviluppo delle abilità che consentono allo studente di procedere in autonomia nello studio della lingua e nella lettura dei testi. Sarà curato, in particolare, l’utilizzo ragionato del vocabolario e della grammatica sistematica. Un tempo sarà dedicato anche agli esercizi di lettura ad alta voce.
Metodo di insegnamento: L’insegnamento sarà impartito con lezioni teoriche frontali, seguite da esercitazioni in classe. Al termine di ogni lezione saranno assegnati alcuni esercizi da accompagnare allo studio individuale della lezione svolta in classe.
Modalità di valutazione: L’esame sarà svolto in forma scritta. Comprenderà un test di grammatica e sintassi; l’analisi e traduzione di un breve testo. La traduzione sarà da effettuare in italiano; gli studenti che utilizzano principalmente la lingua inglese potranno tradurre dal latino in inglese.
Bibliografia: Il manuale di riferimento del corso è M. Fucecchi – L. Graverini, La Lingua Latina. Fondamenti di morfologia e sintassi, Mondadori Education, Milano 2016 (2ª edizione). Durante il corso saranno fornite indicazioni bibliografiche relative ai testi in latino che saranno oggetto di studio.


D. DE PANFILIS